AVVERBI DI LUOGO

CCE20E58-EEF7-4F2C-BCFB-47F034E2ED1D

LUOGO, AVVERBI DI

Gli avverbi di luogo servono a specificare il luogo di un’azione, la collocazione di una persona o di un oggetto nello spazio e la distanza di una persona o di un oggetto rispetto a chi parla o ascolta.

Rispetto a un luogo, conosciuto o sconosciuto, i principali avverbi di luogo sono i seguenti.

 Dentro, fuori, sopra, sotto, dietro, davanti, vicino, accanto, lontano, intorno, su, giù

È abbastanza alto per passarci sotto

Maria e Franco abitano vicino

Ieri gli sei passata davanti senza salutarlo

Stammi accanto!

 Via e altrove esprimono l’allontanamento da un luogo in modo generico

Paolo e Lucia sono già andati via

Pazienza: cercherò altrove

 Qui, quaquassùqua sotto ecc. indicano un luogo vicino a chi parla e meno vicino o lontano da chi ascolta. Qui e i suoi composti si usano per indicare un luogo ben definito, qua e i suoi composti si usano per indicare un’area senza una determinazione precisa, anche se i due avverbi sono spesso usati come sinonimi perfetti

Domani partiamo tutti da qui

Vieni qua!

Le chiavi devono essere qua sotto

 Lìlaggiùlà sopra ecc. indicano un luogo lontano sia da chi parla, sia da chi ascolta.  e i suoi composti si usano per indicare un luogo ben definito,  e i suoi composti si usano per indicare un’area senza una determinazione precisa, anche se spesso i due avverbi sono usati come sinonimi perfetti

Antonella è già  che ci aspetta

Mi dispiace,  sopra non ci arrivo

Dovete continuare fino a laggiù

• In alcuni contesti, svolgono la funzione di avverbi di luogo anche i ➔pronomi personali atoni civi e ne

Nell’astuccio non ci sono più penne (complemento di ➔stato in luogo)

Ho deciso, da Maria ci vengo anch’io (complemento di ➔moto a luogo)

Hanno ristrutturato la stazione? Non ci metto piede da anni (complemento di ➔moto per luogo)

Basta così: me ne vado (complemento di ➔moto da luogo).

USI

Gli avverbi costì e costà (con i composti costaggiù e costassù), tradizionalmente usati per indicare un luogo lontano da chi parla ma vicino a chi ascolta, sopravvivono oggi solo nell’uso parlato di Toscana

Rimani costì dove ti trovi.

STORIA

In italiano antico esistevano altri avverbi di luogo, oggi scomparsi o di uso rarissimo:

– indi ‘di là’

Fortuna, che sì spesso indi mi svia (P. Bembo, Rime)

– quinci quindi ‘di qui’

Quinci l’invida dea gl’inseminati / campi mira (U. Foscolo, Le Grazie)

– quivi ‘qui, in riferimento a un luogo già nominato’

Uscimmo da una porta che mettea sulla laguna; e quivi era una gondola (S. Pellico, Le mie prigioni)

– lungi ‘lontano’

Ecco non lungi un bel cespuglio vede (L. Ariosto, Orlando furioso).

Lì-այստեղ
, là,
qui-այստեղ, qua-այնտեղ,
giù-ներքև,
su-վրա, laggiù-այնտեղ, lassù—մինչև այնտեղ, davanti-առջև, dietro-ետևում,
sopra-վեև, sotto-տակը/ստորև/,
dentro-ներսում, fuori-դրսում,
intorno-շուրջը, 
ecc.

Gli avverbi di luogo più usati in italiano sono:

qui

qua

  Per indicare un luogo vicino a chi parla.

  Per indicare un luogo lontano da chi parla.

Es:

Qui fa freddo e  ?
Qua c’è caldo e  ?

Qui vicino è un’ espressione molto comune che serve per rafforzare l’ idea di vicinanza.

Es:

Qui vicino ci sono un ristorante e una pizzeria.

A-

Добавить комментарий

Заполните поля или щелкните по значку, чтобы оставить свой комментарий:

Логотип WordPress.com

Для комментария используется ваша учётная запись WordPress.com. Выход /  Изменить )

Google photo

Для комментария используется ваша учётная запись Google. Выход /  Изменить )

Фотография Twitter

Для комментария используется ваша учётная запись Twitter. Выход /  Изменить )

Фотография Facebook

Для комментария используется ваша учётная запись Facebook. Выход /  Изменить )

Connecting to %s